Sociologia del pane

I miei trascorsi da panettiera mi hanno aiutato a comprendere il significato dell’ affermazione “il mondo è bello perché e vario” (beh tanto bello non era… vorrei sapere chi si è inventato che “il cliente ha sempre ragione” dato che “il cliente non è mai contento”) A tergo qualche esempio di cliente-tipo

I METODICI
sei giorni su sette, cinquantadue settimane all’ anno, con la pioggia, la grandine, le alluvioni, la neve, trombe d’ aria, caldo torrido, freddo polare, l’ invasone degli alieni, cascasse il mondo… Loro a quell’ ora DOVEVANO entrare in panetteria e comprarsi il pane e se per qualche disgrazia non potevano andarci ci mandavano qualche parente e poi gli dicevano di tenere lo scontrino per controllare se erano andati all’ ora X


GLI INDECISI
Venivano tutti i giorni, le stesse bocche da sfamare, PERO’, entravano in negozio nell’ “ora di punta” ed al loro turno ti guardavano con la faccia imbesuita e cominciavano: “mah……&#8230 ;. Che pane posso prendere oggi??? ……beh vediamo quanti siamo???………. . bah mi da……. vediamo…… tre francesini……&#8230 ;.. e due rosette va! ……..no no aspetti…….. mi metta anche un’ integrale che a mia suocera piace…. …………&# 8230;…. …..ecco quant’è???”

I DISPETTOSI
“Signora mi da 4 bocconcini?” allora io prendo un “sacchettino”, per farci stare i “bocconcini” e proprio mentre lo arroto per chiuderlo “e anche 7 ciabattine!” MA CAZZO non potevi dirmelo prima?????

I PERFEZIONISTI
Quelli che se per caso il francesino era un po’ storto non lo volevano (chissà per quale strano motivo), manco dovessero esporlo in una teca

DOMANDE INUTILI
Ore 9 di mattina, il profumo del pane appena sfornato, “Signora ma il pane è fresco?”

DOMANDE INUTILI 2
Ore 19.00, niente profumo del pane appena sfornato “Signora ma il pane è fresco?” “No, in realtà l’ ho appena tirato fuori dal freezer e gli ho dato una scaldata in forno per farlo sembrare fresco, ma a lei non dispiace, vero?”

I MILLE VOLTI DEL FRANCESINO
Per accontentare tutti i clienti il pane dovrebbe essere:
Cotto e scuro
Cotto ma bianco (che è impossibile)
Scuro ma morbido (che è impossibile)
Chiaro ma senza farina (che è impossibile)

DULCIS IN FUNDO
Tutti i clienti hanno qualche parente/amico che fa il panettiere, fa un pane buonissssssimo, niente a che vedere a quello che gli vendi tu, sono grandi esperti e dispensano consigli

…e pensare che io di cognome mi chiamo Farina

Sociologia del paneultima modifica: 2003-09-22T13:16:08+02:00da l1bra
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “Sociologia del pane

Lascia un commento